Descent Viaggi nelle Tenebre seconda edizione

Oggi partiamo all’esplorazione di Descent Viaggi nelle Tenebre seconda edizione, uno dei giochi da tavolo fantasy più amati degli ultimi anni nonché uno dei dungeon crawler meglio sviluppati, sia per meccaniche di gioco che per ambientazione. In questa super guida andremo ad analizzarne nel dettaglio tutte le meccaniche e ad effettuare una recensione di questo gioco ambientato nell’universo di Runebound, altro gdt fantasy storico uscito nel 2004, per scoprire per quale ragione sia uno degli american più apprezzati!

Informazioni su Descent: Viaggi nelle Tenebre

Nome originale: Descent: Journeys in the Dark 2nd edition
Creato da: Kevin Wilson
Pubblicato da: Fantasy Flight Games
Numero di giocatori: da 1 a 5
Età: dai 14 anni in su
Durata media per partita: circa 120 minuti
Difficoltà: media
Aleatorietà: medio/bassa
Genere: gioco cooperativo, dungeon cralwer, american
Ambientazione: fantasy
Voto: 9
Prezzo: da listino 79,90 € (in offerta su Amazon)
Edito da: Giochi Uniti/Nexus Editrice

Componenti della confezione:

Descent componenti

Quando teniamo in mano per la prima volta la scatola di descent 2nd edition comprendiamo fin da subito di essere davanti ad un gioco sontuoso pieno zeppo di componenti, come denota il peso importante della confezione.

Come la maggior parte dei giochi da tavolo american, all’interno troviamo un gran numero di segnalini (o token) diversi, carte e plance di gioco per comporre le ambientazioni e mappe delle avventure. Ognuno di questi elementi è realizzato con grande cura, dalle illustrazioni alla colorazione, e il tutto è bello resistente.

Le miniature:

Descent miniature

Fra i tanti punti di forza di questo gioco da tavolo non possono non essere citate le miniature. Queste sono ottime sia a livello quantitativo, visto che sono presenti in grande numero, che a livello qualitativo, visto che sono realizzate veramente molto bene e curate anche nel dettaglio. Sono davvero scolpite alla perfezione e quando vi troverete ad averle in mano per la prima volta sarà impossibile trattenere l’effetto wow.

Tra l’altro le miniature di Descent si prestano bene ad essere dipinte, così da renderle ancora più potenti visivamente.

Tutorial e meccaniche di gioco

Se dovessi spiegare a qualcuno come si gioca a Descent gli direi che è come fare un gioco di ruolo. In questo dungeon crawler fino a 4 giocatori dovranno cooperare per esplorare vari luoghi e combattere mostri al fine di trovare dei tesori e di portare a compimento alcune missioni, mentre un giocatore svolgerà il ruolo del Signore Supremo, ovvero colui che comanda le forze avversarie e che cerca di battere il bastone fra le ruote agli eroi.

Pre-partita

Come per un gioco di ruolo, prima di avviare uno scenario di Descent è necessario che i giocatori scelgano quale eroe utilizzare. Mentre uno di loro sarà designato per il ruolo di Signore Supremo, gli altri potranno scegliere se essere un guerriero, un mago, un ladro, un chierico e via discorrendo, classi che poi potranno essere aumentante acquistando le varie espansioni. Le combinazioni sono davvero numerose e i giocatori potranno scegliere, già dal set base, sia razza che classe.

Non vi sono classi particolarmente privilegiate nel gioco, ma ognuna è caratterizzata da pregi e difetti. Consiglio, comunque, di comporre una squadra ben bilanciata che comprenda un tank, un incantatore e un damage dealer.

Turno di gioco

Quando si è finito di allestire lo scenario, utilizzando le varie stanze che compongono il dungeon, e si è finito di assegnare tutte le carte ai giocatori, è possibile iniziare a giocare. Come tutti i giochi di questo tipo, la partita alterna il turno degli eroi con quello del Signore Supremo, il quale avrà diversi modi durante la partita per cercare di fermare i giocatori.

Il turno degli eroi non è fisso, ma possono turnarsi come preferiscono in base alla strategia che hanno in mente di utilizzare e alle tattiche che escogitano per sbaragliare il male.

A inizio turno, ogni miniatura (quindi sia quella di un eroe che quelle mostro del Signore Supremo) si attiva, dando la possibilità al giocatore di fare due azioni con quello specifico personaggio. Fra le azioni che può fare vi sono:

  • muovere,
  • attaccare,
  • attivare un elemento dello scenario,
  • usare abilità speciali,
  • riposare,
  • soccorrere un compagno,
  • esplorare.

Per determinare l’efficacia delle varie azioni, come ad esempio il numero di spazi che può coprire un personaggio quando muove, bisogna riferirsi ai valori presenti sulle sue carte personaggio. Ogni eroe e mostro, infatti, ha uno specifico movimento di base, un indicatore di fatica (da dove può attingere per compiere movimenti extra) e quattro caratteristiche, le quali corrispondono a forza, volontà, destrezza e intelligenza. Queste caratteristiche svolgono pressoché le stesse funzioni di giochi di ruolo come Dungeons & Dragons, venendo utilizzate per le varie prove che permettono agli eroi di effettuare azioni come risolvere degli enigmi, resistere ad alcuni effetti, sfondare delle porte o schiave trappole.

Il combattimento

Quando un eroe attacca un mostro, o viceversa, per determinare l’entità del danno e il successo dell’attacco o dell’incantesimo utilizza i dadi colorati. Ogni arma o incantesimo raffigura il colore specifico dei dadi che vanno utilizzati.

Il numero di punti ferita inferti all’avversario è pari ai simbolini cuore risultanti dalla somma dei dadi. Se assieme a questi figura un fulmine, l’eroe può utilizzare uno dei poteri della sua arma, anch’essi riportati sulla carta. Questi possono portarlo ad ottenere numerosi bonus, come recuperare punti vita, aumentare la gittata, stordire o perforare.

Al contempo l’avversario effettua un tiro con i dadi della difesa, segnati sulla sua carta armatura. Ogni scudo risultante indicherà un danno subito in meno.

Se nel tiro dell’eroe uno dei dadi presenta una X, l’attacco fallisce.

Giochi Uniti - Descent, Viaggi Nelle Tenebre, Seconda Edizione, GU158,...
  • Ottimo per 2-5 persone
  • Durata di gioco circa 1-2 ore
  • Età consigliata: 14 anni e...

Descent Viaggi nelle Tenebre

Ma c’è molto di più

Ogni singola avventura presenterà ai giocatori una sfida molto più complessa e divertente di un semplice combattimento e sbaragliamento delle forze nemiche. Uno dei punti di forza delle meccaniche di gioco di Descent è che per vincere gli scenari i giocatori dovranno cooperare e usare la testa per riuscire a raggiungere specifici obiettivi, tanto gli eroi quanto il Signore Supremo.

Per quanto, quindi, la componente di esplorazione sia molto ridotta, essendo le mappe precostruite e visibili fin dal primo turno, sono state introdotte tante meccaniche che espandono le azioni che possono effettuare i vari personaggi, creando scenari che si prestano ad essere giocatori con strategie e tattiche diverse. E così gli eroi non si troveranno più a combattere ciecamente, ma dovranno ponderare con attenzione le loro azioni e scegliere se stare sulla difensiva, se partire all’inseguimento, se effettuare un salvataggio, esplorare e molto altro ancora.

Un piccolo consiglio di gioco

Ogni avventura è introdotta da alcune parti narrative che oltre a migliorarne l’ambientazione e l’esperienza di gioco spiegano quali saranno gli obiettivi della stessa. Queste, però, per quanto siano autoconclusive sono i tasselli che formano le campagne.

Durante uno scenario, infatti, i giocatori otterranno punti esperienza, monete e altri oggetti, come le reliquie, che potranno essere utilizzate nello scenario successivo della stessa campagna. Questo rende il gioco molto più piacevole visto che vi è una reale progressione dei personaggi, i quali durante le sessioni di gioco potranno spendere punti esperienza per acquisire nuovi poteri e abilità o spendere monete per acquistare nuove armi, incantesimi, pozioni e armature.

Quello che vi consiglio di fare, quindi, è di approcciare con la stessa compagnia di amici più di un’avventura per volta, o di ricordarvi a che punto eravate alla fine di ogni singola avventura. Questo vi permetterà di vivere la progressione del gioco e del vostro personaggio, di scoprire tutti gli intriganti dettagli delle trama che state costruendo e di prendere tante decisioni importanti per il gioco.

Espansioni di Descent

Giocare a Descent ha un rischio concreto, ovvero quello di finire per collezionare ogni singolo set ed espansione di questo splendido dungeon crawler da tavolo. Quello che rende ancora più bello questo gioco è proprio la ricchezza delle sue espansioni, le quali integrano nuove avventure da giocare, miniature e personaggi.

Grossomodo possiamo indicare due tipologie di espansioni diverse. Quelle che contengono nuove avventure, come:

  • Le Antiche Catene
  • Le Nebbie di Bilehall
  • Le Paludi dei Troll
  • La Tana del Drago
  • Il Maniero dei Corvi
  • Il Labirinto della Rovina
  • L’ombra di Narekhall
  • L’Oceano di Sangue

Vi sono poi espansioni che invece di introdurre nuove avventure introducono nuovi eroi, classi e mostri, come:

  • Leggende Perdute
  • Frammenti di Eterna Oscurità
  • Visioni dell’Alba
  • I Custodi del Segreto
  • Protettori della Natura
  • I Guardiani di Deephole
  • Il Giuramento dei Campioni
  • La Crociata dei Dimenticati
  • Il Giuramento del Reietto
  • La Corona del Destino

Si aggiungono poi ben 22 Pack Luogotenente (come Tristayne Olliven, Serena, Gargan Mirklace e Raythen).

A queste potremmo poi aggiungere il Kit di conversione, il quale permette di convertire eroi e mostri della prima edizione così da poter giocare la seconda.

Recensione di Descent: Viaggi nelle Tenebre seconda edizione

Dalle mie parole è fin troppo evidente il mio grande apprezzamento per questo gioco, che è uno di quelli che intavoliamo più spesso e con più voglia all’interno del nostro gruppo. Descent Viaggi nelle Tenebre è senza alcun dubbio uno dei migliori dungeon crawler che vi siano oggi, forse superato unicamente da Gloomhaven e da Assalto Imperiale (almeno per chi ama le ambientazioni a tema Star Wars).

Questo gioco ha sicuramente un gran numero di pregi.

Partiamo dall’ambientazione, curata nei dettagli e resa davvero immersiva e piacevole grazie alle tante componenti fisiche del gioco e, ovviamente, alle splendide e numerose miniature presenti tanto nel set base quanto nelle espansioni. C’è però da dire che per gustare al massimo l’ambientazione sarebbe il caso di vivere l’intera campagna, la quale è molto più bella e intensa rispetto a quanto si possa pensare durante una singola avventura.

Descent gioco da tavolo

Anche l’elevato grado di collaborazione è un pregio non da poco. Tutte le avventure, infatti, richiedono grande gioco di squadra fra gli eroi, la quale unica possibilità di portare a termine un’avventura o una campagna è quella di collaborare. Ma tranquilli, anche il Signore Supremo avrà il suo bel da fare e si divertirà moltissimo nel mettere i bastoni fra le ruote agli eroi per cercare di vincere lo scenario.

Ambientazioni e scenari sono fantastici. Non ci troviamo davanti a dungeon come caverne, ma a spazi ben raccontati e descritti e ad avventure unite da una storia interessante che rende l’esperienza di gioco ancora più immersiva e divertente.

La durata delle partite in realtà dipende molto dai giocatori e può andare dai 60/90 minuti ad avventura, per i giocatori più bravi e capaci, ai 120/180 minuti ad avventura per chi invece non è solito intavolare giochi di questo tipo. In ogni caso le partite sono così divertenti e partecipate che è quasi impossibile annoiarsi.

Fra i punti tendenti al negativo potremmo invece inserire il bilanciamento del gioco, il quale spesso ha l’ago spostato in favore del Signore Supremo. In realtà, però, dipende dall’avventura. Alcune sono sbilanciate verso gli eroi, altre verso il Signore Supremo, ma in generale le campagne sono sufficientemente ben bilanciate.

Alcuni potrebbero valutare come negativo il prezzo di Descent. Il set base, infatti, da listino costerebbe 79,90 €, certo un prezzo non indifferente. Va però detto che i soldi della confezione sono più che giustificati, visto il suo contenuto. Tenendo conto delle tante miniature, delle avventure, delle componenti fisiche e dell’elevata rigiocabilità del gioco, il costo è più che onesto.

Fidatevi, ne varrà la pena 😉

Giochi Uniti - Descent, Viaggi Nelle Tenebre, Seconda Edizione, GU158,...
  • Ottimo per 2-5 persone
  • Durata di gioco circa 1-2 ore
  • Età consigliata: 14 anni e...

Giocare in solitario o senza Signore Supremo con l’app

Una delle novità apportate dalla seconda edizione di Descent è la splendida app La Via per la Leggenda (Road to Legend) scaricabile sia su computer che su tablet e smartphone (sia iOS che Android) la quale  permette di giocare appieno uno scenario senza che nessuno ricopra il ruolo del Signore Supremo.

Per giocare è sufficiente impostare l’applicazione (che si può scaricare gratuitamente), indicargli quale campagna e quale espansione si sta utilizzando e sarà lei stessa a dire come si muovono i mostri e quali azioni svolgono. Questo ipoteticamente potrebbe rendere il gioco adatto ad essere giocato anche in solitaria, ma perderebbe molto del suo fascino e vi consiglierei di giocarlo solo assieme ad altri giocatori.

L’app è stata finalmente tradotta in italiano per tutti i dispositivi, anche se era facilmente utilizzabile anche prima visto che ogni carta era mostrata sullo schermo. Il consiglio, banale, è quello di usare l’app quantomeno su di un tablet, perché la sua fruizione su dispositivi più piccoli renderebbe il tutto più complesso e macchinoso.

Purtroppo l’applicazione è ancora ben lungi dall’essere perfetta. Certo, permette senza grossi problemi la fruizione del gioco, ma ha qualche pecca innegabile. Niente a confronto dell’app perfetta de Le Case della Follia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here