Fra i giochi da tavolo horror più belli (per quanto in realtà appartenga a tanti altri generi, essendo un dungeon crawler/american/investigativo), quello più famoso è senza alcun dubbio Le Case della Follia, titolo di punta della Fantasy Flight Games, appartenente alla linea Arkham Horror Files, che nel tempo si è imposto come uno dei migliori GdT in assoluto, uno dei titoli unanimemente più apprezzati.

Ma questa nomea è meritata? Il gioco vale davvero il costo (parliamo comunque di un’ottantina di euro)? L’esperienza offerta da questa seconda edizione merita l’eccellente posizionamento in tutte le classifiche di giochi da tavolo?

Per me assolutamente sì! Grazie alla meravigliosa ambientazione Lovacraftiana e ad un sistema di gioco app-driven semplice e leggero, questo è un titolo cooperativo che intavolo con grande frequenza e che ogni giocatore al quale l’ho presentato l’ha amato! Vediamo di approfondirne gli aspetti e le meccaniche di gioco nella recensione di questa seconda edizione.

Le Case della Follia seconda edizione

Informazioni su Le Case della Follia

Nome originale: Mansions of Madness: Second Edition
Anno di uscita: 2016
Numero di giocatori: da 1 a 5
Età: 14+
Durata media per partita: dai 60 ai 360 minuti (dipende dallo scenario)
Difficoltà: medio/alta (dipende dallo scenario)
Aleatorietà: medio/bassa
Genere: gioco cooperativo, investigativo, dungeon crawler
Ambientazione: horror
Voto: 9+
Prezzo: da listino 89,90 €
Edito da: Fantasy Flight Games, Asmodee

Componenti della confezione:

Andiamo a vedere, prima di scoprire nel dettaglio il gioco, tutto quello che contiene la scatola, bella grossa e pesante.

Materiali Le Case della Follia

  • 24 tessere mappa;
  • 219 carte;
  • 110 segnalini;
  • 5 dadi;
  • 32 miniature;
  • kit di conversione per la prima edizione (16 carte e 37 segnalini);
  • compendio delle Regole e Manuale di Gioco.

Kit di conversione

Come dice il nome stesso, il contenuto del kit serve per poter utilizzare miniature degli investigatori e dei mostri e tessere della mappa della prima edizione in questa edizione aggiornata de Le Case della Follia. In questo modo potrete giocare con i materiali della vecchia edizioni sfruttando l’app, la quale sarà in grado di generare mappe e mostri con questi materiali.

Il kit di conversione serve inoltre per giocare alle espansioni Incubi Ricorrenti e Visioni dall’Oblio.

Miniature

Miniature Le Case della Follia

La qualità dei componenti de Le Case della Follia è davvero alta. Le carte hanno illustrazioni molto belle e i disegni sul retro sono altrettanto ben realizzati. Ben fatti sono anche dadi, carte personaggi e tutti i vari segnalini. Le miniature, invece, hanno qualche difetto, principalmente legato alle basi sulle quali dovrebbero essere installate. Queste, infatti, sono piuttosto scomode da utilizzare per giocare e, soprattutto, alcune miniature più grandi non possono essere attaccate alle proprie basi in alcun modo. Quindi, nonostante l’ottima qualità della stampa delle miniature, esteticamente molto belle e particolareggiate, fa un po’ innervosire il fatto di non poterle sfruttare per bene, non riuscendo a tenere i mostri più grandi in piedi.

Box su misura

Visto il grande quantitativo di materiali e miniature, alcuni giocatori hanno creatori delle box in schiuma compatibili con la confezione. Queste permettono di organizzare tutte le carte e i segnalini in modo da intavolare il gioco in tempi molto più rapidi. Un piccolo bonus che i collezionisti adoreranno.

Feldherr Vassoio in Schiuma Compatibile con Scatola da Gioco da Tavolo...
  • Set di vassoi in schiuma...
  • Un totale di 40 scomparti...
  • Le figure sono protette in...

Tutorial e meccaniche di gioco

Giocare a Le Case della Follia seconda edizione è davvero semplice. Parliamo di un collaborativo da 1 a 5 giocatori i quali dovranno superare sfide, esplorare gli scenari e raccogliere prove ed indizi che serviranno a risolvere il mistero sul quale stanno indagando.

All’inizio ci sarà una rapida fase di settaggio dello scenario.

Prima di iniziare una partita bisognerà infatti preparare i mezzi delle carte e disporre le tessere della mappa come da indicazioni dell’app. Ovviamente prima ancora sarà necessario scegliere quale scenario giocare e che investigatori scegliere. Ognuno infatti è diverso ed è dotato di caratteristiche e abilità varie. Creare una squadra equilibrata potrà aiutare a vincere la partita (ricorda che se giochi da solo dovrai utilizzare due personaggi).

Fatto questo, l’app permetterà di ottenere alcuni oggetti, incantesimi e proprietà di partenza che potranno essere utili durante la partita. Solo a questo punto verrà svelato il prologo dello scenario, che uno dei giocatori dovrà leggere ad alta voce. Questo permetterà di comprendere informazioni importanti su ciò che sta accadendo e sulle strade da prendere per svelare il mistero e vincere la partita.

A questo punto può iniziare la partita.

Fase degli Investigatori

La prima fase è quella degli Investigatori, i giocatori che hanno intavolato Le Case della Follia. Questi dovranno effettuare azioni, prendere decisioni, risolvere enigmi e muoversi per gli scenari per uccidere i mostri che compaiono e trovare le prove necessarie a risolvere il caso.

Durante questa fase un giocatore può effettuare due azioni a scelta fra le seguenti:

  • azione di movimento, che permette di muoversi di massimo due caselle, una per volta;
  • azione di esplorazione, che permette di attivare un segnalino esplorazione e aggiungere una tessera alla mappa;
  • azione di ricerca, che permette di risolvere gli effetti di un segnalino ricerca che potrebbe permettere di trovare un indizio;
  • azione di scambio, che permette di cedere oggetti e incantesimi fra investigatori vicini;
  • azione di interazione, che permette di interagire con persone, enigmi e oggetti;
  • azione di utilizzo, che permette di usare carte, incantesimi e oggetti nell’inventario;
  • azione di attacco, che permette di colpire i mostri con armi pesanti, da taglio, da fuoco, con un’attacco senza armi o incantesimi.

Fase dei Miti

Le Case della Follia gioco da tavolo

La seconda fase è quella dei Miti, gestita completamente dall’app. In questa fase, conseguente al turno degli Investigatori, i mostri potranno muoversi e attaccare e gli effetti della loro presenza verranno applicati. In più si potranno verificare eventi che porteranno alla generazione di nuove creature mostruose e a nuovi ostacoli per la squadra di investigatori.

Nella fase dei miti è presente anche la Sottofase di Orrore. Durante questo momento, gli investigatori dovranno effettuare una prova di orrore contro il mostro entro gittata con valore di orrore più alto, per cercare di evitare di subirne i malefici effetti.

Il gioco continuerà susseguendo la Fase degli Investigatori e la Fase dei Miti fin quando i giocatori non avranno vinto o perso.

Attento a non impazzire

Nel gioco, però, non si deve soltanto cercare di sopravvivere e di risolvere l’enigma: bisogna anche fare di tutto per non impazzire, e non sarà affatto semplice riuscirci!

Oltre ai danni, infatti, durante la partita gli Investigatori possono subire orrori, causati da carte, mostri e eventi. Quando gli orrori diventano di più del valore di sanità mentale del personaggio, ecco che si finisce per impazzire.

Una volta impazzito, l’investigatore prende una carta condizione Impazzito e ne legge il retro senza rivelare ai restanti giocatori quanto vi è scritto. Perché? Perché alcune carte potrebbero modificare le condizioni di vittoria di quell’Investigatore, il quale potrebbe trovarsi addirittura a giocare contro gli altri.

Consigli di gioco

Le meccaniche de Le Case della Follia sono semplici e intuitive. Bastano pochi minuti per imparare a giocare senza intoppi, anche grazie alla gestione dell’app. Questo, però, non rende il gioco facile. Vincere gli scenari, infatti, potrà risultare molto complesso.

Ogni scenario è caratterizzato da una difficoltà diversa, ma per vincere è sempre bene tenere sotto controllo la situazione e gestire al meglio ogni singolo turno e azione fin da principio.

Uno dei primi consigli che mi sento di darvi è quello di non separarvi mai. In questo gioco, chi va da solo muore, o impazzisce. Serve restare uniti, collaborare e usare la testa. Cercate di capire gli indizi che avete e cosa possono significare.

Anche il tempo gioca un ruolo importante. Più round effettuerete, più la sfida diventerà complessa. Serve che comprendiate come muovervi e che non perdiate turni ad effettuare azioni inutili o a combattere mostri che non rappresentano una minaccia.

Ma rimanete insieme, sempre!

Recensione de Le Case della Follia Seconda Edizione

Le prima volta che ho giocato a Le Case della Follia era ad un Lucca Comics di ormai molti anni fa. Ricordo che la mia compagnia di amici era rimasta colpita, fra tutti, proprio da questo titolo. Aspettammo mezz’ora per poterci giocare, ma da lì nessuno di noi ha più smesso di farlo. Questo gioco ha tutto quello che potevamo volere: meccaniche di gioco semplici da spiegare e facili da capire; scenari emozionanti ricchi di enigmi, misteri, orrore e indagini; un’esperienza di gioco immersiva e divertente; avventure che richiedono strategia, cooperazione e intelligenza; un sistema dall’altissima interazione fra giocatori; e infine un’ambientazione spettacolare.

De Le Case della Follia seconda edizione non cambierei nulla. Hanno creato a tutti gli effetti uno dei giochi più belli da intavolare, un’avventura divertente ed emozionante da intavolare con tutti i tipi di giocatore. Ha qualche piccolo difetto, questo è vero. Le basette delle miniature ne sono un esempio, come il costo elevato della confezione base, ma sono piccolezze rispetto alla bellezza del titolo. La lunghezza delle partite potrebbe, invece, risultare un problema per alcuni giocatori. Alcuni scenari, infatti, potrebbero richiedere anche 4-5 ore per essere conclusi. Ma anche in questo caso interviene la fantastica app, la quale permette di salvare il gioco e riprenderlo quando si vuole senza alcuna difficoltà: una possibilità che offrono ben pochi giochi.

Per noi questo è uno dei migliori titoli, non soltanto del suo genere ma in generale. Tornassimo indietro non soltanto non ci penseremmo due volte ad acquistarlo di nuovo, ma lo compreremmo anche molto prima!

Ambientazione

Fra le centinaia di giochi da tavolo che ho avuto modo di provare, Le Case della Follia è uno dei titoli che più mi ha convinto per quanto riguarda l’ambientazione e l’immersione nel mondo di gioco. Per quanto inizialmente si possa credere che l’app possa rovinare l’esperienza, in realtà questa semplifica e velocizza i momenti più noiosi e valorizza, invece, la fase dei miti e la narrazione, immergendo i giocatori nello scenario. Si percepirà l’ansia e l’adrenalina di dover correre per vincere e salvarsi la pelle, la paura di impazzire e la curiosità di comprendere cosa sta accadendo e come fermarlo.

Pro e contro

Pro Contro
Ambientazione fenomenale Costo abbastanza alto
Elevata cooperazione e interazione Rigiocabilità limitata
Sfide complesse e divertenti Basi delle miniature mal realizzate
Ottima esperienza di gioco Partite molto lunghe
Offerta
Asmodee-Le Case della Follia 2A Edizione, Gioco da Tavolo, 9400
  • Numero di giocatori: 1 − 5
  • Durata media: 120-180 minuti
  • Età suggerita: da 14 anni in...

App sì o no?

App Le Case della Follia

Giocare senza app è impossibile. La progressione del gioco è completamente gestita dall’applicazione integrata, la quale è stata sviluppata alla perfezione e non rovina in alcun modo l’esperienza di gioco. Anzi, forse la migliora.

Grazie al sistema app-driven, infatti, i giocatori possono concentrarsi sulla partita senza perdere tempo con le parti più gestionali e noiose che saranno gestite dall’app. In più questa aiuterà ad immedesimarsi nel gioco, grazie a musiche, testi e suoni che ti porteranno a vivere l’atmosfera giusta.

La app la puoi scaricare:

Il nostro consiglio è chiaramente quello di giocare su uno schermo piuttosto grande. Evitate, se possibile, i telefoni; già meglio i tablet. La soluzione migliore è senza dubbio una televisione o lo schermo di un computer, così da godere ancor di più dell’ambientazione.

Espansioni

Espansioni Le Case della Follia

Come per (quasi) tutti i giochi editi dalla Fantasy Flight Games, pensate ad esempio a Descent: Viaggi nelle Tenebre seconda edizione, anche le Case della Follia è pieno zeppo di espansioni. Queste riguardano nuovi scenari e nuovi misteri da svelare. Ad oggi sono state pubblicate le espansioni:

  • Il sentiero del Serpente
  • Incubi ricorrenti
  • La Loggia del Crepuscolo
  • Le strade di Arkham
  • Oltre la Soglia
  • Viaggi Terrificanti
  • Visioni dall’Oblio
Offerta
Asmodee-Le Case della Follia 2A Edizione, Gioco da Tavolo, 9400
  • Numero di giocatori: 1 − 5
  • Durata media: 120-180 minuti
  • Età suggerita: da 14 anni in...

Che state aspettando a comprarlo?

RASSEGNA PANORAMICA
Ambientazione
Meccaniche
Componenti
Rigiocabilità
Miniature
Articolo precedentePokemon Unite: l’abbiamo provato, e ci piace da matti
Articolo successivoBarakamon: recensione di un anime dal cuore d’oro
Un consulente SEO? Uno scrittore a tempo perso? Un creativo a tutto tondo? Macché, è solo Alvise, il fondatore di Contea Geek. Vive sulla terra da ormai 26 lunghi anni e ogni argomento geek lo interessa, dai giochi da tavolo al cinema, dai fumetti agli anime. Consulente SEO e SEM presso alvisecanal.it e autore di Keyword Research Avanzata, ogni tanto si finge anche scrittore di fantasy e critico cinematografico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here