Threat Level Midnight – il film di Michael Scott completo

0
84

Threat Level Midnight è un film d’azione scritto, girato e montato da Michael Scott nella serie The Office. Come racconta lo stesso Michael, all’inizio del diciassettesimo episodio della settima stagione dall’omonimo titolo (episodio scritto da B. J. Novak, diretto da Tucker Gates e andato in onda il 17 febbraio 2011), sono serviti 10 anni per realizzarlo (tre per scriverlo, uno per girarlo, quattro per rigirarlo e due per montarlo.

Il film completo dura 25 minuti ed è presente sul disco 3 del DVD della settima stagione. Il 10 dicembre 2019 è stato finalmente caricato su YouTube sul canale ufficiale di The Office US.

Come nasce Threat Level Midnight

La genesi dell’episodio deriva dalla puntata “Il cliente”, settimo episodio della seconda stagione, durante la quale l’ufficio scopre la sceneggiatura incompleta di Michael per Threat Level Midnight. L’episodio presenta la ricomparsa di diversi attori e attrici che non apparivano nello show da anni. A causa della natura del film, le scene sono state girate per creare l’illusione di essere state girate anni prima dell’episodio, venendo colorate in post-produzione.

La sinossi

Dopo che l’agente segreto Michael Scarn (interpretato da Michael) è costretto al pensionamento a causa della morte della moglie Catherine Zeta-Scarn per mano di Goldenface (interpretato da Jim Halpert), il presidente degli Stati Uniti d’America (interpretato da Darryl Philbin) gli chiede di impedire a Goldenface di far saltare in aria l’All-Star Game della NHL e uccidere diversi ostaggi. Scarn si infiltra sotto copertura e impara a giocare a hockey dal famoso istruttore Cherokee Jack (interpretato da Creed Bratton), uccidendo un altro giocatore di hockey (interpretato da Oscar Martinez) per entrare nel gioco. Il suo maggiordomo robotico Samuel (interpretato da Dwight Schrute) intercetta il nome di un agente dei Goldenface, la cantante di nightclub Jasmine Windsong (interpretata da Jan Levinson) e Scarn apprende la posizione degli ostaggi tramite un messaggio in codice di Windsong poco prima che venga uccisa da uno degli assassini di Goldenface. Scarn e Samuel affrontano Goldenface per cercare di salvare gli ostaggi e Goldenface rivela loro che la bomba è nel disco da hockey. Scarn si rifiuta di perdonare Goldenface per aver ucciso sua moglie e viene colpito. Successivamente si riprende (con la madre di Pam Halpert, Helene, che interpreta un’infermiera dell’ospedale) ma quando lui e Samuel portano le loro informazioni al presidente, scoprono che il presidente era sempre stato coinvolto, volendo far saltare in aria lo stadio per i soldi dell’assicurazione. Depresso, Scarn va in un bar per soffocare i suoi dispiaceri. Guidati dal barista Billy (interpretato da Andy Bernard), gli avventori del bar cantano una canzone chiamata “The Scarn” che ha ballato con sua moglie e che rallegra Scarn immensamente. Con la fiducia in se stesso ripristinata, Scarn si infiltra nella partita e apprende da Samuel che Cherokee Jack è morto. Mentre Samuel salva gli ostaggi, Scarn viene istruito dal fantasma di Cherokee Jack ed è in grado di colpire il disco fuori dallo stadio, salvando la situazione, ripristinando la ricezione della TV satellitare di Billy e facendo esplodere Goldenface nel processo. Scarn si ritira ancora una volta, ma viene immediatamente richiamato in azione dal Presidente e il narratore si rivela essere un anziano Scarn interpretato da Stanely Hudson.

Curiosità su Threat Level Midnight

1. All’inizio il film doveva fungere da sottotrama dell’episodio “Il cliente” ma Steve Carell convince B. J. Novak a scrivere la sceneggiatura. L’attore l’aveva infatti trovato divertente e piacevole e voleva una storia incentrata su di essa prima di lasciare definitivamente la serie.

2. La sceneggiatura aveva anche una scena che riportava indietro il personaggio di Amy Adams, Katy, ma è stata tagliata perché Adams stava lavorando a un film durante il periodo in cui questo episodio è stato girato.

3. Varie battute dell’episodio sono campionate nella canzone “My Strange Addiction” della cantautrice americana Billie Eilish (una delle più grandi fan di The Office) per il suo album di debutto When We All Fall Asleep, Where Do We Go?.

Il cast

  • Michael Scott nel ruolo dell’agente Michael Scarn
  • Dwight Schrute nel ruolo di Samuel L. Chang, il maggiordomo robot
  • Jim Halpert nel ruolo di Goldenface
  • Pam Beesly nel ruolo di Sandra
  • Ryan Howard come allenatore NHL
  • Andy Bernard nel ruolo di Billy the Bartender
  • Stanley Hudson nel ruolo del narratore (il vecchio Michael Scarn)
  • Kevin Malone come ostaggio
  • Creed Bratton nel ruolo di Cherokee Jack (l’allenatore di hockey di Michael Scarn)
  • Meredith Palmer nei panni di addio al nubilato e uomo
  • Kelly Kapoor come ostaggio
  • Angela Martin come addio al nubilato
  • Toby Flenderson come ostaggio
  • Oscar Martinez nel ruolo di Speed ​​Skater
  • Darryl Philbin come presidente Jackson
  • Phyllis Vance come ragazza addio al nubilato
  • Jan Levinson nel ruolo di Jasmine Windsong
  • Karen Fillipelli come addio al nubilato
  • Roy Anderson come ostaggio
  • Todd Packer nel ruolo di ubriaco al bar
  • Helene Beesly come infermiera sexy
  • Attore senza nome come cliente del bar
  • Attore senza nome come cliente del bar
  • Attore senza nome come Golden-Henchman
  • Hide come cliente del bar e voce nella mente di Scarn
  • Tony Gardner come pianista
  • Attore senza nome come Assassino
  • Attore senza nome come cliente del bar
  • Attore senza nome come cliente del bar
FONTEWikipedia
Articolo precedenteThe Office: 15 curiosità che ti manderanno via di testa
Articolo successivoRecensione del mouse Logitech G502 HERO
Un consulente SEO? Uno scrittore a tempo perso? Un creativo a tutto tondo? Macché, è solo Alvise, il fondatore di Contea Geek. Vive sulla terra da ormai 26 lunghi anni e ogni argomento geek lo interessa, dai giochi da tavolo al cinema, dai fumetti agli anime. Consulente SEO e SEM presso alvisecanal.it e autore di Keyword Research Avanzata, ogni tanto si finge anche scrittore di fantasy e critico cinematografico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here